Pavimentazione temporanea per mostre - Museo Louvre Ceramiche Caesar, Piastrelle, lastre e soluzioni tecniche in gres porcellanato

7-louvre.jpg 2-louvre.jpg 4-louvre.jpg 7-louvre.jpg 5-louvre.jpg

Pavimentazione temporanea per mostre - Museo Louvre

Dal 26 settembre 2013 al 6 gennaio 2014, la cultura italiana del miracolo del Rinascimento fiorentino è stata portata in Francia per una mostra temporanea al Louvre, uno dei musei più importanti al mondo e il primo per numero di visitatori.

Attraverso un percorso di dieci sezioni e 140 capolavori di scultori e pittori, l'esposizione ha illustrato quell'epoca straordinaria che, con il suo linguaggio figurativo, ha cambiato il modo di guardare all'uomo e al mondo in genere. Il valore del made in Italy ha trovato continuità anche nella scelta degli allestimenti e per la pavimentazione il museo del Louvre ha scelto Aexacta di Caesar, il sistema autoposante composto da lastre in gres porcellanato che si installa a secco senza colle o stucchi, abbattendo tempi e costi. Questa soluzione ha permesso di dare una veste contemporanea all'area interessata senza smantellare né rovinare il pavimento in legno preesistente e consentendo un successivo facile smantellamento con possibilità di riutilizzo dei materiali. Aexacta è stata declinata nella collezione Tecnolito, il gres porcellanato ad effetto marmorizzato caratterizzato da un'ampia gamma di colori, formati e finiture che consentono grande libertà e versatilità per i progetti di architettura contemporanea. La nuances Karbon e il formato 60x60 cm hanno fornito un contributo determinante per creare un'atmosfera omogenea ed equilibrata, in perfetta assonanza con lo stile esclusivo della mostra. Per approfondimenti su Aexacta visita il sito Caesar al link Per vedere il progetto completo clicca qui: Archilovers

Dal nostro magazine

Nuova domesticita
28 aprile 2020

Una nuova domesticità per un nuovo mondo: Caesar c’è

Ci risveglieremo in un mondo diverso. Dopo che l’emergenza Covid sarà rientrata e i rischi attenuati, non torneremo rapidamente alla situazione di prima: una nuova normalità ci accompagnerà per i prossimi mesi, fino alla scoperta del tanto sospirato vaccino, e forse anche oltre, perché alcuni nuovi comportamenti verranno acquisiti in forma stabile. Ci accorgeremo che certi cambiamenti, adottati in virtù dell’urgenza, hanno migliorato le nostre vite, o hanno reso più sostenibile l’uso che facciamo delle risorse naturali e il nostro essere parte di un ecosistema.

Leggi tutto